Probiotici per animali – Perché sono importanti e quali scegliere


Quando parliamo di PROBIOTICI ci riferiamo a un insieme di batteri vivi che popolano, a seconda del ceppo, una particolare sezione dell’apparato digerente, ne costituiscono il microbiota ed esplicano una funzione probiotica che favorisce il benessere dell’organismo. Spesso vengono confusi con i fermenti lattici vivi, ma ci sono delle piccole differenze da considerare: questi ultimi infatti raggruppano i batteri “acidolattici” capaci di fermentare i carboidrati e idrolizzare le proteine, ma non tutti possiedono questa funzione probiotica, altresì esistono ceppi di probiotici che non sono fermenti lattici. Ogni ceppo svolge una funzione specifica, pertanto è importante che gli integratori che scegliamo contengano una ricca varietà di ceppi, oppure siano stati attentamente valutati sulla funzione da ripristinare. La funzione del microbiota è quella di mantenere integra la mucosa intestinale che, in condizioni di squilibrio (disbiosi), può portare danni seri alla salute.

 

Spesso pensiamo di dover ricorrere ai probiotici solamente quando i nostri animali presentano disturbi intestinali quali diarrea e malassorbimento, questa cosa però è fondamentalmente errata perché da recenti studi si è osservato come la salute di un buon microbiota interno sia essenziale per garantire all’intero organismo una corretta risposta immunitaria locale e sistemica. Per ottenere questo bisogna innanzi tutto che ai nostri pets sia fornita una corretta alimentazione e periodicamente occorre “ripopolare e rimpolpare” la loro flora batterica. Questo aiuta non solo contro le malattie specifiche dell’apparato digerente, ma garantisce un rinforzo per l’intero organismo.

Si è osservato infatti come gran parte delle patologie dei nostri amici insorga a causa della cattiva digestione, per questo bisognerebbe supportare l’apparato con integratori specifici, oltre che al bisogno, nei cambi di stagione o in concomitanza di terapie antibiotiche. Sebbene un animale sano riesca a garantirsi autonomamente un’adeguata flora, lo stile di vita attuale comporta spesso l’insorgere di problematiche che ne rendono necessario un ausilio esterno, vedi malattie, stress, cambi alimentari o ambientali, farmaci, ecc… Una buona flora contribuisce infatti: all’espulsione di buona parte delle tossine prodotte dal metabolismo, a ottimizzare l’assorbimento delle sostanze nutritive, a svolgere un’azione di barriera nei confronti dei microrganismi patogeni, a ridurre la fermentazione di alcune sostanze alimentari, al miglioramento della sintesi di vitamine e acidi grassi.

Condizioni che richiedono un uso costante e continuativo di probiotici sono: disbiosi e intolleranze; infezioni e uso di antibiotici o corticosteroidi (su eventi previsti iniziare una settimana prima della terapia e comunque mantenere la somministrazione per i 10 giorni successivi alla fine della stessa, ovviamente con sufficienti ore di distacco dal farmaco per non uccidere tutto); insufficienza renale; diarrea e malassorbimento; fenomeni dermatologici; stress e cambiamenti (utile prevenzione almeno 7 giorni prima dell’evento); parassitosi; stomatiti e alitosi; vaccinazioni; cambi di dieta e cibo industriale. Utile inoltre supportare gli animali anziani, poiché la loro produzione di batteri “buoni” è ridotta, e aiutare i cuccioli per scongiurare infezioni, parassitosi e ridurre la probabilità di sviluppare allergie durante la crescita.

Ricordo che il termine non va confuso con il similare PREBIOTICI, questi ultimi, associati spesso ai primi, non sono microrganismi vivi ma particolari sostanze che li nutrono e ne accrescono le capacità, sono presenti negli alimenti sotto forma di fibra, FOS e MOS (frutto-oligosaccaridi e mannano-oligosaccaridi) e non vengono assimilati dall’animale (es.: l’inulina). Favoriscono la crescita selettiva dei microrganismi benefici.

 

I migliori complessi probiotici in commercio

PROBIOTICS PETDENTIST

Prodotto ottimo che metto al primo posto nella mia lista di preferenze. Contiene ben 17 dei ceppi più potenti del sistema dentale, digestivo e immunitario dell’animale, ad oggi è il numero più alto che potete trovare in commercio (ben 73 miliardi di batteri in ogni porzione). Un aiuto benefico per l’igiene orale, rafforzativo del sistema immunitario, supporto al tratto gastrointestinale, sostegno alla digestione, detossificante. Consigliato per gatti e cani che soffrono di diarrea, alitosi, acidità gastrica, infezioni delle orecchie/urinarie/cutanee, allergie, prurito, infiammazioni intestinali come IBD o SIBO, meteorismo. Buon supporto alle terapie antibiotiche o come semplice rinforzo stagionale. Gusto molto appetibile e apprezzato dagli animali. Nessuna presenza di additivi allegizzanti o conservanti. No refrigerazione. Certificato GMP. Progettato per esperti dentali e veterinari.

COMPLETE PROBIOTICS FOR PETS – Dr. Mercola

Molto simili ai precedenti trovate i probiotici completi del Dr. Mercola formulati con una miscela di 14 tra i ceppi batterici più benefici di cani e gatti. Ingredienti attivi per 1 misurino (2 grammi): Lactis Bifidobacterium 3,3 miliardi CFU; Latobacillus acidophilus 3,3 miliardi CFU; Bifidobacterium longum 3,3 miliardi CFU; Bifidobacterium bifidum 3,3 miliardi CFU; Lactobacillus casei 3,3 miliardi CFU; Lactobacillus plantarum 3,3 miliardi CFU; Bifidobacterium breve 3,3 miliardi CFU; Streptococcus thermophilus 3.3 Miliardi di CFU; Saccharomyces boulardii 3,3 miliardi di CFU; Bifidobacterium animalis 3,3 miliardi di CFU; Enterococcus faecium 3,3 miliardi di CFU; Lactobacillus rhamnosus 660 milioni di CFU; Lactobacillus bulgaricus 660 milioni di CFU; Lactobacillus sporogenes 660 milioni di CFU. Nessun allergene o conservante. Può essere mescolato al cibo ed è insapore.

PROBIOTIC MIRACLE

Probiotic Miracle® è una polvere di batteri benefici concentrata, formulata per cani e gatti e contenente 6 ceppi specifici. Ogni porzione offre 2 miliardi di unità batteriche. Insapore, può essere aggiunto al cibo, nessuna origine animale, no OGM glutine grano o radicali liberi. Approvato dai veterinari. Disponibile in confezioni da 120 e 360 dosi.

ENTEROMICRO COMPLEX

Questo prodotto è un simbiotico, ovvero contiene sia probiotici sia prebiotici, fornendo quindi sia batteri benefici che il loro nutrimento. Da utilizzare in situazioni di necessità: trattamenti farmacologici, stress, diete non bilanciate, indebolimento della risposta del sistema immunitario. Può contenere allergeni. Componenti: olio di vaselina, olio di soia e polvere di malto (nella versione in compresse sostituiti da pectine di agrumi e maltodestrine); fruttoligosaccaridi (FOS); siero di latte; lieviti idrolizzati (fonte di mannanoligosaccaridi); colostro; sali di acidi grassi (fonti di butirrati). Additivi nutrizionali: Enterococcus Faecium, Vitamina E, Vitamina B1, Vitamina B2, Vitamina B6, Vitamina PP, Rubus fructicosus, Foeniculum vulgare. Da somministrare a digiuno per ottimizzarne gli effetti. Contiene Lattobacilli micro-incapsulati e colostro.

NUCLEOVIS LB PER CANI

Complesso simile al precedente per composizione (contiene siero di latte e lieviti), ma apporta anche un 6% di nucleotidi atti a supportare la sintesi proteica e l’attività del sistema immunitario. Ottimo supporto nello svezzamento dei cuccioli, nel cane anziano e nei cani sportivi.

SYNBIOTIC D-C

Per fornire un perfetto equilibrio della microflora intestinale durante problemi gastroenterici acuti o cronici, utile in caso di diarrea, stipsi, assunzione di farmaci, cambio dieta, convalescenza, stress, inappetenza e scarsa vitalità. Queste capsule contengono il Prebiotico Preplex® e il Probiotico Enterococcus faecium (2 miliardi di CFU/capsula ad alta concentrazione), che in sinergia riequilibrano rapidamente la microflora intestinale. Regolarizzano la digestione, normalizzano le feci, riportano il cane ad essere vitale e attivo in poco tempo. Gli studi clinici dimostrano come aiuti a prevenire del 50% la diarrea indotta da stress o da terapie invasive come la chemioterapia (doxorubicina). Può essere assunto con l’alimento in dosaggio standard di 1 capsula/die

Alternative di supporto con meno ceppi, ma efficaci

A scopo preventivo e di rinforzo si possono usare: MICROBIOTAL CANE/GATTO, che va benissimo nei casi di disbiosi e IBD ed è un buon rinforzo per il sistema immunitario; ENTEROMICRO; NUCRON; COLOSTRONONI GUNA [N.B.: QUESTO SOLO SE NON AVETE CANI INTOLLERANTI ALLE PROTEINE DEL LATTE!!!].
In caso di diarrea acuta si possono dare invece: FLORENTERO ACT; NORMALIA o CAROBIN PET, e in genere se non ci sono problematiche da approfondire si ha la regressione del disturbo in poco tempo.
Altri due prodotti usati anche su cuccioli e soggetti debilitati sono: ACTINORM PLUS e FORTIFLORA CANE/GATTO, che personalmente amo meno per caratteristiche di composizione, ma faccio notare che il Fortiflora per il suo sapore può essere utilizzato come appetizzante nei cibi e questo potrebbe favorire la somministrazione nei gatti.

Prodotti a uso umano efficaci

Per quanto riguarda gli integratori, con una qualche delusione posso dirvi che gli unici probiotici ad uso umano testati sugli animali sono il VIVOMIXX (vecchio VSL#3, che attualmente ha cambiato formulazione e non ha mantenuto le medesime caratteristiche) e il probiOTI, ma in genere costano più di quelli specifici per animali. Tuttavia spesso per avere una migliore ricchezza di ceppi è meglio preferire questi che affidarsi a prodotti veterinari di scarsa qualità, soprattutto perché l’unico additivo probiotico autorizzato UE in veterinaria è l’Enterococcus Faecium, con tutti i limiti del caso.
Altri due prodotti utilizzabili con un discreto successo sono il PROBINUL 5 e la linea degli acidofili della SOLGAR.
In ogni caso bisogna considerare che gli unici batteri che abbiamo in comune con cane e gatto sono quelli che riescono a sopravvivere in ambiente fortemente acido: i Lattobacilli acidofili, L. Sporogenes, L. Faecium, L. Rhamnosus, Streptococcus Thermophilus e Enterococcus Faecium… Inutile far notare come la maggior parte dei prodotti ad uso umano, oltre che difficili da dosare, spesso risultino inefficaci per il diverso valore di ph gastrico che ci caratterizza e per il numero di UFC troppo esiguo, quindi consiglio di fare attenzione al contenuto e al numero di questi ceppi batterici negli integratori che acquistate.

Un altro dettaglio a cui stare attenti sono alcuni ingredienti o additivi contenuti negli INCI: maltodestrine da cereali, cellulosa, glutine, lattosio o caseina, che potrebbero risultare di difficile digestione e creare problemi di intolleranza, invece che dare benefici. Qualora notiate dei peggioramenti post-somministrazione di prodotti di questo tipo sarebbe conveniente dimezzarne il dosaggio per 3 giorni e in caso di scarsa risposta interromperne la somministrazione utilizzando delle alternative.

Per avere una migliore risposta ed efficacia i probiotici andrebbero somministrati a digiuno, a meno che sia specificato che possano essere aggiunti al cibo; andrebbero alternati a cicli, a meno che contengano una buona varietà di ceppi; meglio scegliere prodotti liofilizzati in capsula o polvere e proseguire la somministrazione per almeno 3 settimane, a meno di patologie croniche che ne richiedano un uso continuativo; preferire integratori microincapsulati o specie specifici in modo da garantire che un buon numero di batteri arrivi a destinazione, non è tuttavia corretto pensare che il probiotico sia più efficace solo perché è maggiore il numero di unità batteriche/dosaggio, ben più importante è che ci sia un mix completo; se sono robusti e certificati, possono durare circa un anno a temperatura ambiente e la refrigerazione non è necessaria, a meno che i prodotti siano esposti a temperature troppo alte.

Ricordo infine alcune buone fonti alimentari di fermenti lattici vivi e probiotici utilizzabili sui nostri amici a 4 zampe, quali: la trippa verde, lo yogurt bianco naturale senza zucchero (che contribuisce alla formazione di lattasi di cui il cane adulto è pressoché sprovvisto) e il kefir [N.B.: EVITATE SEMPRE QUESTI PRODOTTI E I DERIVATI DEL LATTE IN CASO DI DISBIOSI O IBD ACCERTATE].
Contengono invece prebiotici lo stesso yogurt, ma anche: la cicoria, i legumi, l’avena, il tarassaco, la frutta secca, le banane, le mele, i semi di chia e tutti i cibi ricchi di fibra solubile. Sebbene questi alimenti non possano in alcun modo sostituire la funzione terapeutica di un integratore, sarebbe utile, per quanto possibile, inserirli nella dieta dei nostri animali.

 

Per un uso idoneo e corretto di questi prodotti, o se avete necessità di approfondimenti, potete scrivermi.

BUONI PROBIOTICI A TUTTI!!! by Francy 🙂

[Se avete trovato questo articolo interessante e volete condividerlo potete utilizzare i tasti di Share qui sotto. Copyright © 2017 Francesca Serri – Bloggerdog. Tutti i diritti riservati. Le recensioni dei prodotti non possono essere riutilizzate per fini commerciali, senza autorizzazione dell’autore. Qualora aveste necessità di recensioni personalizzate, vi invito a scrivermi. Dichiaro altresì, che per mantenere totale imparzialità di giudizio, non ho sottoscritto nessun accordo commerciale con alcuna ditta produttrice, tutto ciò nel rispetto dei codici deontologici e per poter indicare secondo coscienza i prodotti che preferisco].

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Stop CISPA